Nuova bufala su Whatsapp: ecco la falsa richiesta di sangue A RH negativo

Spunta l’ennesima falsa comunicazione, in giro proprio grazie all’applicazione. Ecco i dettagli della questione

Whatsapp è diventato gratuito a vita anche per gli utenti che dispongono di un modello dotato del sistema operativo Android, ma allo stesso tempo si moltiplicano le cosiddette bufale che prendono piede all’interno di una piattaforma tanto diffusa, quanto potenzialmente pericolosa soprattutto per gli utenti meno esperti.

In particolare, nelle ultime ore ha preso piede un messaggio che ci parla di una presunta ricerca urgente per una bambina che ha bisogno di sangue. Insomma, la classica catena di Sant’Antonio al quale va prestata attenzione. Il messaggio dovrebbe essere simile a quello che vi riporto di seguito:

“Mi hanno chiesto di diffonderlo dal policlinico per il reparto pediatria… Mi aiuti a diffonderlo? C’è bisogno di sangue A RH negativo x una bambina che sta molto male.. aiutate a diffonderlo. La referente è Elisa Montagnoli – tel. 345 0857172 Mandalo ai tuoi contatti WhatsApp per favore. grazie”.

Va detto che in questo caso il messaggio non contiene alcun link, quindi fondamentalmente nessuno corre rischi di scaricare malware o qualsiasi elemento che potrebbe mettere in discussione la sicurezza del proprio device. Il pericolo, a mio modo di vedere, è che la legittima diffidenza verso messaggi simili possa portare all’effetto “al lupo al lupo”, portandoci in futuro ad ignorare comunicazioni che invece sarebbero autentiche.

Insomma, per una volta non siete a rischio di virus vari, ne tantomeno la vostra carta di credito corre alcun tipo di pericolo, ma chiaramente è meglio conoscere preventivamente un messaggio non veritiero che è in giro su Whatsapp. A voi è capitato di recente di ricevere messaggi di questo tipo, o peggio ancora comunicazioni contenenti link all’esterno? Non esitate a condividere la vostra esperienza.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.