LG V10: la Recensione di TECNOLOGYBLOG

LG V10: la Recensione di TECNOLOGYBLOG

LG V10

LG V10
8.4

DISPLAY

9/10

BATTERIA

7.5/10

FOTOCAMERA

9/10

PERFORMANCE

8.5/10

SOFTWARE

8/10

PRO

  • – Display eccellente
  • – Fotocamera valida anche con poca luce
  • – Schermo secondario always-on
  • – Speaker potente e di qualità
  • – Audio in cuffie di livello

CONTRO

  • – Mancanza banda 800 MHz (versione ExtraEU)
  • – Schermo secondario poco illuminato
  • – Batteria inferiore agli altri top di gamma

 


Non ci aspettavamo un altro top di gamma LG in questo 2015. Invece è arrivato LG V10, lo smartphone che non ti aspetti. E insieme al BlackBerry Priv può essere considerato uno dei telefoni più innovativi dell’anno.

Design e display

LG V10 è uno smartphone che salta all’occhio. Prima di tutto per le dimensioni importanti (misura 159.6 x 79.3 x 8.6 mm e pesa 192 g), ma soprattutto per il design. Sul lato frontale spicca l’ampio display da 5.7″, con sopra un secondo display da 2.1″ e due fotocamere frontali. Le cornici di alluminio sono in una splendida colorazione dorata con tendenze al rosa, e circondano la back cover (rimovibile) in pelle nera. Il touch and feel di questo smartphone è superlativo. E il design è forse uno dei migliori visti negli ultimi mesi. Il peso è elevato, ma è ben distribuito e in mano non si fa sentire molto; è inoltre analogo a quello di altri top di gamma dalle dimensioni simili.

lgv10_unboxing (3)

Il display da 5.7″ con tecnologia IPS LCD ha una risoluzione di 2560 x 1440 pixel (Quad HD) con una densità di pixel di 515 PPI. E’ ricoperto da un Corning Gorilla Glass 4 sotto cui si trova anche il secondo display da 2.1″con risoluzione 1040 x 160 pixel. Anche questo piccolo display è retroilluminato: la luce parte dalla sinistra del pannello, e questo al buio si vede distintamente. La luminosità del display principale è eccellente, mentre quella del display secondario spesso si rivela un po’ troppo bassa. La qualità cromatica del display da 5.7″ è ottima, per via dell’eccellente riproduzione del bianco, dei buoni neri (difficile aspettarsi di più da un LCD) e dei colori fedeli e vivaci.

lgv10_unboxing (10)

Hardware, connettività e batteria

La piattaforma hardware che monta LG V10 è estremamente collaudata, dato che consta di un processoreQualcomm Snapdragon 808 (quad-core 1.44 GHz Cortex-A53 + dual-core 1.82 GHz Corte-A57) accompagnato dalla GPU Adreno 418, da 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna (espandibili tramite microSD fino a 128 GB). Le prestazioni sono molto buone e la gestione della temperatura è ottimale: non abbiamo riscontrato surriscaldamenti.

Il lettore di impronte digitali (situato sul retro dello smartphone, in mezzo ai tasti volume) è molto veloce e preciso nel riconoscere l’impronta e nello sbloccare il telefono. La posizione può risultare comoda quando si usa il telefono in mobilità (lo si prende dalla tasca, si posiziona il dito e si è già nella schermata home) tanto quanto è scomoda quando il telefono è poggiato su un tavolo, una scrivania o un comodino: per sbloccare lo smartphone tramite impronta digitale sarà necessario prenderlo in mano o girarlo, vanificando la velocità e l’immediatezza che lo sblocco tramite riconoscimento dell’impronta garantisce.

lgv10_unboxing (2)

Il modello di LG V10 in nostro possesso è extraeuropeo, quindi sebbene sia presente il supporto al 4G manca la banda 800 MHz. Per questo motivo abbiamo riscontrato problemi nell’utilizzo del 4G con la rete di H3G. Sono presenti due slot per nanoSIM. E’ uno dei pochi smartphone che supporta il VoLTE (Voice over LTE), ma è necessario che anche la rete dell’operatore lo supporti: noi abbiamo provato con Vodafone e non c’è stato alcun tipo di problema. Il resto della connettività è completa: Wi-Fi AC, Bluetooth 4.1, NFC, GPS (con A-GPS e Glonass) e microUSB 2.0 (con supporto a SlimPort 4K).

La batteria è da 3000 mAh. Può sembrare una capacità ai limiti per un telefono con un display così grande, e in effetti l’autonomia non è tra le migliori nel panorama attuale. Siamo sempre riusciti a superare le nostre giornate di uso intenso con circa 3 ore o 3 ore e un quarto di schermo attivo, quindi non c’è nulla di cui preoccuparsi, ma smartphone come Samsung Galaxy Note 5 e iPhone 6s Plus regalano qualcosa in più.

Software e prestazioni generali

LG V10 monta Android 5.1.1 con interfaccia personalizzata da LG. L’hardware e la buona ottimizzazione garantiscono un’esperienza utente sopra la media: il telefono è sempre fluido e veloce e non soffre di lag e impuntamenti. Il test di gioco con Real Racing 3 è filato via liscio come l’olio, dato che il telefono riesce a gestire senza problemi giochi con grafica pesante ed elaborata. L’interfaccia e le personalizzazioni sono analoghe a quelle viste su G4 e sugli ultimi smartphone LG.

La personalizzazione di rilievo di LG V10 è quella relativa al display secondario. Quando il display è spento si può visualizzare qualcosa di analogo alla barra di stato, con ora, giorno, meteo e batteria residua. Quando arriva una notifica compare l’icona relativa. Anche questo piccolo display è dotato di touchscreen, e tramite uno swipe si accede a dei toggle che permettono di gestire la suoneria e il Wi-Fi, di andare velocemente alla fotocamera o di accendere la torcia. Quando il display è acceso sul display secondario viene visualizzato un testo a scelta, e tramite swipe si può accedere a scorciatoie per QuickMemo, Orologio, Calcolatrice, LG Health e Impostazioni, al prossimo evento presente in calendario, a dei contatti rapidi e alle applicazioni aperte in background. Il display secondario di LG V10 è una vera chicca, ed è davvero ben implementato. Incide sull’autonomia, è vero, ma si lascia apprezzare parecchio.

lgv10_unboxing (5)

Multimedia: speaker e fotocamera

Lo speaker di LG V10 è posto sulla parte inferiore, e potenza e qualità sono notevoli. Spesso gli speaker potenti gracchiano o perdono di pulizia del suono quando il volume è al massimo, ma qui no. Riguardo alla qualità audio, è da segnalare che questo smartphone supporta l’audio Hi-Fi DAC quando collegato ad auricolari. In confezione sono presenti le QuadBeat 3, le ormai celebri cuffiette di LG, con cui è possibile apprezzare al meglio questa insolita funzionalità.

lgv10_unboxing (9)

La fotocamera posteriore da 16 MP realizza scatti degni di nota. La fotocamera anteriore è composta da due sensori ed è da 5 MP: i selfie vengono davvero bene, e si può allargare il campo sfruttando il secondo sensore. Ci ha impressionato positivamente la qualità fotografica di LG V10. Sotto trovate dei sample in qualità ridotta. Qui potete consultare le foto a piena risoluzione.

20151201_134550
20151201_134236
20151201_134239
20151201_134255
20151201_134300_HDR
20151201_134303
20151201_134534
20151201_134550
20151201_134236

La videocamera merita qualche riga in più del solito. Non tanto per la risoluzione (massimo 4K a 30fps) ma per le opzioni offerte dall’app Fotocamera di LG: per la prima volta in uno smartphone è possibile agire manualmente su molti parametri della registrazione video, come bilanciamento del bianco, messa a fuoco, ISO, contrasti e saturazione, anche mentre si sta registrando. Sotto trovate le prove video in Full HD e in 4K.

Prezzo e conclusioni finali

Proprio oggi è stata comunicata la disponibilità di LG V10 in Italia a partire da dicembre a 749 euro. Fino a ieri l’unico modo di entrare in possesso di un LG V10 era l’importazione. Noi ci siamo rivolti a Amazon.it. Il prezzo su Amazon è di 689 euro, che possono anche essere giustificati per via della qualità complessiva del prodotto e della sua esclusività. LG ha capito la strada da percorrere, ma crediamo abbia sbagliato sulla commercializzazione: LG V10 è un vero top di gamma, che può migliorare i risultati ottenuti da LG G4 e far fare il definitivo salto di qualità al brand, e un lancio ad un prezzo aggressivo in concomitanza della stagione natalizia avrebbe guastato i piani sulla fascia alta di molti concorrenti.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.