Acer presenta Chromebook 14 e 14 for Work

Acer Chromebook 14 for Work (CP5-471) è ufficiale, ed è il primo Chromebook con processore Intel Core Skylake. È un 14 pollici HD o Full HD conforme agli standard militariMIL-STD 810G per la resistenza ai liquidi, alle cadute (48 cm) e al peso (fino a a 60 Kg), ed usa un vetro Gorilla Glass sul coperchio personalizzabile con il logo aziendale o altre immagini.

Acer ha usato un telaio da 13 pollici per installare un pannello da 14. Questo permette di avere dei bordi ristretti dove comunque la webcam 720p riesce ad entrare nella parte superiore. Il peso è di 1450 grammi con spessore di 22.4 mm. La configurazione comprende USB 3.1 Type-C valida anche per la ricarica e per le funzioni da battery bank, HDMI, Wi-Fi ac, Bluetooth 4.2, 16 o 32 GB di spazio eMMC e 4 o 8 GB di RAM LPDDR3 Dual Channel. Chi ha bisogno di più porte potrà abbinare una docking station dedicata.

La disponibilità di Acer Chromebook 14 for Work è attesa per luglio in Italia e in Europa con prezzi a partire da 329 euro. Ci saranno più varianti, con o senza tastiera retroilluminata, tutti capaci di almeno 10 ore di autonomia (12 per il modello HD) e dell’integrazione con Chrome OS for Work per la gestione in ambienti enterprise.

Presentata ed esposta a New York anche la versione consumer chiamata semplicementeAcer Chromebook 14. È il modello anticipato alcuni giorni fa sul mercato americano, rifinito in alluminio e con telaio particolarmente sottile. Qui si utilizzano processori Braswell Celeron e si hanno configurazioni con 4 GB di RAM, display IPS Full HD, WiFi ac e 12 ore di autonomia. Presto saremo in grado di darvi maggiori informazioni sui due Chromebook in una video anteprima da Acer Next 2016.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.