ASUS Transformer Mini T102 arriverà anche in Italia a novembre

ASUS Transformer Mini T102 arriverà anche in Italia a novembre

Il dispositivo non sembrava essere previsto per l’Italia o l’Europa in generale e la sua assenza ad IFA 2016 ci sembrava quasi una conferma. Eppure ASUS ci smentisce e, durante l’eventoZenvolution italiano, annuncia che ASUS Transformer Mini T102, successore di T101 e del glorioso T100, arriverà anche nel Bel paese.

Il prodotto non è altro che un tablet ibrido da 10.1″ che, con un corpo in alluminio e magnesio, si propone come device economico che comunque ci tiene a fare bella figura. In 530 grammi solo tablet o 800 grammi tablet + Transformer Cover Keyboard, Transforer Mini T102 racchiude un processore Intel Atom Cherry Trail x5-Z8350, quad-core da 1.44 GHz in boost fino a 1.92 GHz, fino a 4 GB di RAM e ben 64 o 128 GB di storage eMMC espandibile via micro SD fino a 512 GB. La configurazione italiana ufficiale dovrebbe essere quella top per ciò che riguarda le memorie.

Dotato di varie porte fra cui USB 3.0, micro USB, micro HDMI e un jack per le cuffie, monta un’antenna integrata Wi-Fi ac, un sensore Bluetooth 4.1 e anche un sensore biometrico per lo sblocco mediante Windows Hello. Presenti inoltre speaker ottimizzati da 1.5 W, webcam frontale da 2 megapixel e display con risoluzione a 1280 x 800 pixel. La batteria, dalla capacità non dichiarata, dovrebbe raggiungere le 11 ore di autonomia che sarebbero quasi da record per la categoria (saranno da provare effettivamente).

ASUS Transforer Mini T102 arriverà sul mercato italiano a partire da novembre al prezzo consigliato di 349,99€. Tutte le carte in regola per diventare il nuovo modello leader fra gliibridi di fascia bassa.

Transformer Book T100

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.