Canone RAI 2016, la svolta: un sospiro di sollievo per gli utenti

Una notizia, questa, che farà sicuramente piacere a molti italiani

La rimodulazione della riscossione del canone RAI 2016 ha generato non poche polemiche tra gli utenti, preoccupati che l’estensione dell’obbligo di pagamento venisse esteso anche a chi, più semplicemente, è intestatario di un abbonamento ad Internet.

In effetti, le ultime indiscrezioni sembravano spingere in questa direzione, ma ci ha pensato il sottosegretario presso il Ministero dello Sviluppo Economico, Antonello Giacomelli, a placare i malumori.

Saranno tenuti a versare il contributo solo chi in possesso di un apparecchio televisivo (non verrà considerata discriminante valida nemmeno l’avere in casa smartphone, tablet e PC).

Solo se in possesso di un televisore, non serve altro: l’unica differenza proposta dal canone RAI 2016, a dispetto di quanto successo nel recente passato, sta nelle modalità di riscossione, che dovrebbe essere accorpata all’utenza elettrica.

Qualora in casa non disponiate di un mezzo televisivo, potrete richiedere l’esenzione dal pagamento compilando un’apposita auto-certificazione, in cui si dichiarerà, per l’appunto, di non avere TV in casa. Naturalmente dichiarare il falso è da considerarsi reato.

Non sono previste multe per coloro che evadono puntualmente, dal momento che, come sottolineato da Giacomelli, chiunque potrebbe affermare di aver da poco comprato il proprio apparecchio televisivo.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.