CES 2017, LG presenta il tv che si appiccica alla parete

(Foto: Lorenzo Longhitano)

È talmente sottile da sembrare un tutt’uno con la parete: è l’ultimo TV OLED presentato da LG sul palco del CES, si chiama Signature OLED TV W7 ed è un pannello che arriva fino a 65 pollici di diagonale e misura appena 2,57 millimetri di spessore. Talmente leggero da poter essere agganciato al muro tramite attacchi magnetici, è anche così sottile da non proiettare alcuna ombra sulla parete. L’effetto è stupefacente e la casa coreana ne va giustamente orgoliosa: “solo la tecnologia OLED può permettere qualcosa di simile” precisano dal palco. Il suono si diffonde attraverso una soundbar Dolby Atmos, una soluzione poco pratica per ottenere un audio di qualità, ma poco importa: il guanto di sfida agli avversari è lanciato.

Sono comunque diversi i TV previsti per il 2017 dal gruppo coreano: gli OLED della serie W prevedono tutti il supporto per la tecnologia audio Dolby Atmos, sistema operativo WebOS in versione 3.5 e compatibilità con gli standard HDR10 e Dolby Vision; lato LCD invece il gruppo cita dal palco i modelli SJ95, SJ85 e SJ80 con tecnologia nano cell, sviluppata direttamente da LG e pensata per garantire purezza e accuratezza nella riproduzione dei colori.

Secondo LG gli avversari non fanno attenzione a come la gente guarda la TV, un fattore più importante di quanto si pensi perché per la maggior parte delle volte gli spettatori non siedono direttamente in fronte allo schermo e si trovano davanti a immagini dai colori distorti. La tecnologia Nano cell aiuterà anche in questo, garantendo un’accuratezza totale nella riproduzione dei colori anche a chi guarda lo schermo da un’angolazione di 40 gradi.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.