Fusione 3 – Wind: cosa cambia per gli utenti?

Quello che però tutti i clienti dei due operatori si domandano è: cosa succederà adesso?

Fusione 3 – Wind: cosa cambia?

Non è facile dare una risposta certa: ci sono moltissimi fattori in ballo e poche comunicazione ufficiale, con la parziale eccezione delle risposte da parte dei team social delle due società.

Proviamo quindi a fare un po’ d’ordine, basandoci proprio sulle risposte degli operatori, .

Cosa cambia nell’immediato futuro?

Poco o niente: fino a nuove comunicazioni da parte delle società, i due operatori sono da considerarsi ancora separati. Si parla di un’integrazione che inizierà nel 2017 e durerà almeno fino alla fine del 2019. Tuttavia, durante questo periodo, i clienti di ognuno dei due operatori potrannobeneficiare gratuitamente del roamingofferto dall’altro gestore.

Dovrò cambiare piano tariffario?

Entrambi gli operatori stanno rassicurando gli utenti su Facebook, comunicando che la joint venture non comporterà alcun cambiamento per piani tariffari e opzioni già attive. In sostanza, quindi, sembra che i clienti dei due gestori non abbiano nulla da temere.

Nascerà un nuovo operatore? 3 Italia assorbirà i clienti Wind? Wind assorbirà i clienti 3?

Non è ancora chiaro se uno dei due operatori prevarrà sull’altro; a rigor di logica potremmo supporre di no, ma è tutto da vedere. Sia Wind che 3 sono due marchi molto forti, che in Italia sono immediatamente riconoscibili: far trionfare uno sull’altro potrebbe deludere clienti e investitori e, in tal senso, è più probabile la nascita di un nuovo operatore con nome completamente diverso.

D’altra parte, è anche possibile che i nomi dei due marchi vengano semplicemente uniti (ricordate il periodo di Vodafone Omnitel?), in favore di una lenta e graduale migrazione verso uno dei due: in tal caso, è molto più probabile che a prevalere possa essere 3, che gode di notorietà internazionale (mentre il marchio Wind è limitato al solo territorio italiano).

Ma cos’è Free Mobile? Non è il nome del nuovo operatore?

C’è stata un po’ di confusione circa Free Mobile, dato che il nome di questo operatore è iniziato ad apparire proprio negli articoli relativi alla fusione di Wind e 3 Italia.

Ma fughiamo definitivamente ogni dubbio: Free Mobile non è il nome del gestore che nascerà dalla fusione, bensì di un altro operatore francese di proprietà di Iliad che arriverà in Italia una volta che la joint venture sarà conclusa.

Per maggiori dettagli potete consultare la nostra pagina su Free Mobile.

Quali benefici avranno i consumatori?

Dalla joint venture nascerà l’operatore italiano più forte per numero di clienti: ben 31 milioni di utenti mobile, ai quali si sommano 2,8 milioni su rete fissa (Infostrada). La logica conseguenza è che le due società insieme possano rafforzare gli investimenti per migliorare l’infrastruttura.

Inoltre, vi saranno anche degli immediati benefici: i clienti Wind avranno a disposizione una rete LTE più stabile e veloce di quella del proprio operatore (notoriamente il peggiore in termini di 4G), mentre i clienti 3 avranno finalmente la possibilità di non preoccuparsi del roaming su reti 2G. Inoltre, per entrambi migliorerà ovviamente la copertura sul territorio nazionale.

Devo cambiare numero per sapere il mio credito? Sono cliente 3, posso andare anche in un punto vendita Wind (e viceversa)? Sono cliente Wind, posso aderire ad offerte 3 (e viceversa)?

No. Come spiegato su, fino a nuovo ordine i due operatori continueranno ad operare separatamente: pertanto, le offerte di un gestore non sono attivabili da utenti dell’altro, così come le promozioni o qualsiasi altro vantaggio (vedi ad esempio Grande Cinema 3). Allo stesso modo, non cambiano le modalità di ricarica, i numeri o le app per conoscere credito e servizi attivi e così via.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.