IFA 2016: Alcatel, Shine Lite è lo smartphone dei Millennials

  • Alcatel, smartphone Shine Lite e realtà virtuale  Il riconoscimento delle impronte digitali permette di sbloccare le applicazioni velocemente, dando accesso anche al SafeBox dove gli utenti possono archiviare le loro foto, i video, la musica e i documenti. 

Alcatel si presenta all’Ifa di Berlino con un nuovo smartphone, battezzato Shine Lite, e un carico di gadget per la realtàvirtuale. Sul primo fronte si tratta, come sempre per i dispositivi mobili del brand controllato dai cinesi di Tcl, di un prodotto dedicato all’utenza giovane ma selettiva ed esigente. Che pretende un design interessante e alcune caratteristiche che lo rendano unico.

Il display è HD da 5 pollici, dunque dalla massima praticità rispetto ai più ingombranti phablet e ai formati ormai standard, dai 5,2 pollici in su. Lo muove un processore MediaTek MT6737 con 2 GB di Ram e 16 GB di spazio interno.La fotocamera principale è da 13 megapixel con doppio flash a Led, quella anteriore da 5. La batteria, di buone prestazioni, è da 2.460 mAh e il telefono monta Android 6.0.

Oltre i dettagli, Alcatel Shine Lite punta sulla sicurezza e sullavelocità. Su entrambi i fronti agisce il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali che consente disbloccare velocemente le applicazioni ma dà anche accesso aSafeBox, uno spazio dove archiviare, foto, video, musica e documenti. Fra l’altro, ogni diversa impronta digitale può essere programmata per lanciare una tra cinque app preferite quando il telefono si trova in standby. Un esempio? Con il pollice apri la gallery e magari con l’indice lanci WhatsApp.
«Piuttosto che ridurre al minimo le funzionalità dei nostri smartphone per andare incontro alle disponibilità economiche dei nostri utenti più giovani, abbiamo scelto di  alzare l’asticella – ha spiegato Nicolas Zibell, presidente dell’international business – mettiamo sul mercato un prodotto prestigioso per il suo design e le funzionalità, per rispondere alle esigenze della generazione dei Millennials, che aspira ad una combinazione di stile e sostanza».

In effetti il target del telefono, che scatta scatta selfie luminosi e li archivia in una gallery dedicata (Face Show), è proprio quello, visto che costerà 199 euro. Oltre al design in vetro curvo e metallo quasi senza bordi disponibile nei colori “pure white”, “satin gold” ed entro l’anno “prime black”, propone tante chicche come l’app Split Catcher, che crea collage con immagini scattate sia con la fotocamera frontale che con la posteriore.

Alcatel ha colto l’occasione del grande salone berlinese peragganciarsi al treno della realtà virtuale con due nuovi prodotti dedicati a questo mondo. Anzitutto Vision, un visore wireless stand alone molto comodo da usare, come fosse una sorta di console autonoma indossabile. Poi Alcatel 360 Camera, cioè la controparte, la camera a 360 gradi compatta e tascabile (proposta in due versioni) per creare foto e video collegandosi con gli smartphone Idol 4, Idol 4S e Pop 4S.

Vision, che ha un campo di visione di 120 gradi, si può indossare per 2 o 3 ore, con o senza occhiali, per provare l’illusione della realtà virtuale. Alcatel ha collaborato con Jaunt VR, Magic Interactive Entertainment e Fraunhofer per l’hardware e per i contenuti precaricati come il videogame BattleBlock, un gioco di combattimento multiplayer.

La camera 360 è invece semplice da usare e disponibile in due modelli, entrambi con lente fisheye 210 gradi. Plug&play, il gadget consente di catturare le immagini e i video, visionarli in anteprima e caricarli direttamente sugli smartphone a cui è collegato tramite micro Usb. In questo caso i partner sono 360fly, Allie Camera, Arashi Vision e Primesom. La strada è quella: se non crescono i contenuti dal basso non può crescere il settore. Questo i produttori lo sanno bene.

«La realtà virtuale rappresenta la prossima grande piattaforma informatica che cambierà il modo in cui sperimentiamo il mondo – ha aggiunto Zibell – è questo il motivo per cui siamo entrati in questo mercato. Il nostro nuovo dispositivo VR e la camera 360 sono pensati per tutti coloro che credono che la tecnologia possa cambiare il mondo e che vogliono far parte di questo cambiamento».

Ultima novità della giornata il nuovo tablet della serie Pop da 10 pollici. Il Pop4 è leggero, resistente e dal design molto sottile – lo muove un processore octacore Qualcomm Snapdragon 430 – ed è l’ideale per l’intrattenimento grazie per esempio ai doppi speaker frontali firmati Waves MaxxAudio.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.