IFA 2016: Panasonic svela un nuovo TV OLED

IFA 2016 Panasonic Oled

Tra i grandi produttori dell’elettronica di consumo, Panasonic ha di fatto aperto le danze ad IFA 2016 con due nuovi prodotti che hanno da subito destato l’interesse. Se in qualche modo gli esperti del settore si attendevano un aggiornamento della linea di lettori Blu-ray 4K, sul fronte dei TV il colosso nipponico non aveva lasciato intuire nulla circa le sue reali strategie. Ma tant’è. Oggi sappiamo solo che Panasonic sta lavorando sodo ad una linea intera di apparecchi 4K basati sulla tecnologia OLED e che quello portato a Berlino è solo un prototipo. Per avere un quadro completo occorrerà attendere ancora qualche mese. Probabilmente tutti i dettagli emergeranno con chiarezza nel corso del Ces di Las Vegas del prossimo gennaio.

Di certo c’è che il pannello sarà made in LG, l’unica azienda produttrice di schermi piatti ad aver investito nelle nuove fabbriche OLED e quindi in grado di fornire anche ad altri costruttori le tecnologie necessarie per realizzare intere linee di prodotto. Panasonic, dal canto suo, realizzerà tutta l’elettronica forte delle esperienze maturate nel settore dei TV al Plasma dal centro di ricerca e sviluppo interno. Ricordiamo anche che nel team di esperti che stanno oggi lavorando ai nuovi OLED, ci sono alcuni deimigliori ingegneri giapponesi che nel loro cuore portano ancora il ricordo del nero profondo dei mitici Kuro di Pioneer. E proprio i neri profondi saranno una delle strade che Panasonic imboccherà con determinazione in modo da migliorare l’attuale e costoso OLED CZ950.

Per i dettagli sulle dimensioni degli schermi, linee di prodotto e prezzi, Panasonic si è trincerata dietro un secco no comment. Tutto è rimandato a Las Vegas.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.