LA COPERTURA DI FREE MOBILE IN ITALIA

C’ è molta, moltissima attesa per il lancio italiano di Free Mobile. Già prima di rendere note le offerte, il gestore francese, proprio grazie al leggendario successo d’ Oltralpe e alle mitiche tariffe, conta su una nutrita schiera di fan anche in Italia. I più attenti al nuovo. I più digitalizzati e concentrati sul risparmio. Ciò che però più preoccupa è la copertura di Free Mobile. E’ quella la grande incognita su ciò che sarà Iliad nel nostro Paese. Che copertura avrà Free Mobile in ItCopertura Free Mobile Italia

E’ spontaneo pensare al lancio di Free Mobile paragonando questa nuova avventura a quella di H3G (3 Italia) più di un decennio fa. Il quarto operatore (vale anche per chi si ricorda la vecchia Blu) nel nostro Paese non ha mai avuto molta fortuna.

Uno dei problemi principali per il nuovo entrante di turno è proprio la possibilità di installare antenne ed estendere la rete. In Italia poi le norme in materia sono particolarmente severe e le piccole comunità, i minuscoli comuni, fanno spesso obiezione all’ installazione di nuove BTS (salvo poi lamentarsi magari, del digital divide).

 

L’ inquinamento elettromagnetico è fortemente percepito come problematico nel nostro Paese e quindi, il creare una rete da zero, anche alla luce delle asperità orografiche del nostro territorio, è veramente difficile. Non a caso, per Free Mobile è stato previsto un percorso molto diverso. Le autorità UE, che hanno studiato la proposta di joint venture tra Wind e 3, hanno provveduto a limitare il gap in termini di copertura che Free Mobile sarà costretta ad affrontare.

A differenza di quanto fatto da 3 e prima ancora da Blu, Free Mobile partirà da subito con una preziosa dote di antenne. Non costruirà da zero la propria rete. Una specie di mini acquisizione del patrimonio del network di 3. Si parla di 5mila antenne che costituiranno il primo asse portante della rete 3G e 4G di Free Mobile in Italia. Del resto a 3 molte antenne non serviranno più in vista della rete unificata con Wind.

Antenne non sufficienti per Free ma che comunque garantiranno un bel vantaggio nella copertura immediata, almeno a livello di popolazione. Infatti, le 5mila antenne ex Wind-3, che saranno conferite a Free Mobile, saranno accese nei grandi e medi centri italiani. I luoghi più abitati e a maggiore densità di traffico.

IL RESTO DEL TERRITORIO ITALIANO? QUALE SARÀ LA COPERTURA DI FREE MOBILE

In qualità di nuovo entrante e così come deciso dalle autorità europee alla concorrenza,Free Mobile potrà utilizzare le reti Wind3. Roaming nazionale che però non avrà le limitazione imposte da 3 sulla rete di Tim (chi è cliente H3G le conosce benissimo). Si potrà quindi navigare tranquillamente, come se si fosse sulla rete di casa. Il contratto diroaming nazionale tra Free e Wind3 durerà 5 anni, rinnovabili per ulteriori 5.

Wind3 ha concesso questo vantaggioso accordo per vedersi garantito l’ ok alla fusione. Una delle situazioni nelle quali l’ Unione Europea, bisogna dirlo, ha lavorato per assicurare maggior concorrenza nel nostro mercato aprendosi all’ arrivo di un nuovo quarto gestore mobile.

Comunque Free Mobile dovrà mettersi d’ impegno e continuare la costruzione della propria rete. In Francia questo processo è ancora in corso e anche su questo fronte Free registra record, con installazioni in 3G e 4G che si moltiplicano mese dopo mese. A noi non resta che sperare che questa nuova offerta possa arrivare presto anche qui da noi.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.