Le prime fibre ottiche ‘soffici’ per il corpo umano

Fatte di idrogel,permettono di usare luce per stimolare celluleLe fibre ottiche soffici  per il corpo umano, fatte di idrogel (fonte: MIT, Harvard Medical School)Le fibre ottiche soffici per il corpo umano, fatte di idrogel (fonte: MIT, Harvard Medical School)

Costruite le prime fibre ottiche ‘soffici’ per il corpo umano. Fatte di idrogel, sono flessibili, elastiche e biocompatibili e permettono di usare la luce per stimolare le cellule, individuare i segni di una malattia o seguirne l’evoluzione. Descritte sulla rivista Advanced Materials, le hanno realizzate i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (Mit), in collaborazione con l’università di Harvard.

La luce per ‘accendere’ le cellule
Usare la luce per attivare le cellule, e in particolare quelle del cervello, è un campo già molto attivo chiamato optogenetica, che utilizza fibre ottiche per attivare e disattivare specifici neuroni. Tuttavia, ha rilevato Xuanhe Zhao, che ha coordinato il gruppo del Mit, ”il cervello è come una ‘palla di gelatina’ e le fibre ottiche tradizionali, fatte di vetro, sono molto rigide e potrebbero danneggiare i suoi tessuti”. Se invece queste fibre sono flessibili e ‘soffici’ come il cervello, ha aggiunto, e ”a lungo termine potrebbero fornire terapie più efficaci”.

Fili di idrogel
Le fibre ottiche flessibili e biocompatibili realizzate dai ricercatori sono così elastiche che possono essere allungate fino a raggiungere una lunghezza sette volte maggiore di quella iniziale. Il segreto è un cuore morbido di idrogel, ossia un gel composto soprattutto di acqua, rivestito di un materiale gommoso ugualmente biocompatibile. I due materiali sono tenuti insieme da una soluzione chimica che funziona come una colla.

Future applicazioni
”Le applicazioni possono essere di forte impatto”, ha detto Zhao. Per esempio queste fibre ottiche potrebbero essere impiantate negli arti di una persona con problemi al movimento di braccia o gambe, per monitorare i miglioramenti in seguito a una terapia. Secondo Zhao, le fibre ottiche potrebbero essere usate anche come sensori che si illuminano in risposta ai segni di una malattia. Questi sensori ottici, ha aggiunto, potrebbero essere utilizzati per esempio, per ”monitorare l’evoluzione di un tumore o di un’infiammazione”

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.