Mediacom PhonePad Duo X555U: la recensione BY TECNOLOGYBLOG

 

Per fare un grande smartphone ci vuole un nome grande? Questo Mediacom PhonePad Duo X555U ha sicuramente un nome grande, immenso, un display grande da 5.5” e un grande triplo flash led. Basteranno questi elementi a farne anche un grande smartphone? Scopriamolo insieme nella recensione completa!

Hardware, Materiali ed Ergonomia:

Mediacom ci propone uno smartphone dal design abbastanza classico e anonimo, con dimensioni di 146 x 74 x 8.15 mm e un peso di 143g. Il dispositivo è interamente realizzato in materiali plastici e offre una cura particolare dedicata ad alcuni aspetti specifici, come il frame laterale o la texture che riveste la cover posteriore, la quale, unita ai bordi rastremati, ci permette di avere un grip sempre solido e saldo. Il retro offre alloggiamento alla fotocamera principale, leggermente sporgente, da 16 MegaPixel e al triplo flash led, mentre il bilanciere del volume e il tasto di accensione si dividono rispettivamente il lato sinistro e destro dello smartphone: una scelta davvero comoda se fate molti screenshot!

La parte inferiore è purtroppo occupata esclusivamente dalla cassa principale e dal primo microfono, quindi il jack delle cuffie, la microUSB e la porta IR sono alloggiati nella parte superiore. La parte frontale di PhonePad, oltre al display, ci offre la fotocamera principale da 5 MegaPixel, i sensori di luminosità e prossimità ed un potente led di notifica, esclusivamente blu, collocato nella parte bassa. A completare la dotazione hardware troviamo un comparto radio che include bluetooth, WiFi b/g/n e radio FM, mentre manca il chip NFC.

7.7Hardware

Display:

Lo schermo è un’unità da 5.5” LCD con risoluzione FullHD e densità di 401 PPI. Si tratta di un pannello abbastanza oleofobico, senza infamia e senza lode, che riesce a rappresentare un valore aggiunto vista la fascia di prezzo in cui è collocato il terminale, grazie anche ad una buona riproduzione dei colori, che può essere modificata tramite l’app MiraVision presente nel menù dedicato nelle impostazioni.

Purtroppo gli angoli di visuale non sono particolarmente buoni e tendono a far variare i colori se visti di taglio, tuttavia la buona luminosità del display permette di utilizzarlo senza problemi sotto la luce del sole, complice anche il sensore di luminosità che svolge abbastanza bene il suo lavoro. All’interno della sua personalizzazione Mediacom ha dimenticato di inserire una gesture rapida per il risveglio, quindi niente doppio tap per lo sblocco rapido; dobbiamo affidarci esclusivamente al tasto fisico.

Batteria, Audio e Ricezione:

La batteria è uno degli aspetti che più mi ha deluso di questo PhonePad, anche se i problemi potrebbero essere risolvibili con un futuro aggiornamento. Infatti, sebbene sotto la scocca troviamo un’unità rimovibile da 3000 mAh, il dispositivo è affetto da un bug legato alla rete WiFi che viene sempre mantenuta attiva, anche quando è completamente disattivata. Questo fa si che la prima voce tra i consumi sia sempre il WiFi, arrivando ad incidere per praticamente metà del consumo totale dello smartphone. Di conseguenza si superano a fatica le 3 ore di display e il terminale è sempre leggermente più caldo di quello che dovrebbe essere.

Purtroppo il caricabatterie da 1A non ci viene incontro e occorreranno oltre 3 ore per ricaricare completamente lo smartphone, anche se spesso ho avuto a che fare con tempi di ricarica estremamente più lunghi proprio a causa del bug segnalato. I sistemi di risparmio energetico sono quelli classici di Android Marshmallow.

Mediacom PhonePad Duo X555U non mi ha deluso, invece, per quanto riguarda la qualità dell’audio in capsula durante le chiamate. Il dialer presente è quello stock Google e la voce dell’interlocutore è sempre chiara e il volume raggiunge un buon livello, cosa che invece non si può dire dello speaker principale quando si utilizza il vivavoce. Il posizionamento della cassa fa in modo che l’audio non venga attutito quando lo si posiziona su una qualsiasi superficie, tuttavia il volume non è molto alto anche in fase di riproduzione musicale; un vero peccato visto che la qualità generale è abbastanza buona. Inoltre, proprio a causa del posizionamento, sarà estremamente facile coprire la cassa durante le fasi di gioco.

Trattandosi di uno smartphone dual sim, dotato di due slot Micro sim dedicati, troviamo la classica gestione dual sim presente sui dispositivi Mediatek, con la possibilità di scegliere quale sim utilizzare come predefinita per i dati 4G LTE, chiamate e messaggi, mentre manca la possibilità di impostare suonerie diversificate.

Software:

Ed è proprio nella personalizzazione del software che troviamo i più grandi difetti di questo PhonePad Duo X555U. Mediacom ha infatti scelto Android 6.0, non 6.0.1, Marshmallow come base per il suo sistema operativo e il suo intervento è stato minimo per quanto riguarda l’aspetto della home, del drawer e dei menù; se non fosse per l’icona a forma di tartaruga non lo si sarebbe distinto da una versione stock. Almeno al primo sguardo.

Infatti, una volta che si cominciano a frugare i menù, alla scoperta delle funzioni del phablet Mediacom, troviamo subito molte impostazioni introdotte dal produttore, come ad esempio il Turbo Download, le Multi Gesture, la possibilità di applicare i temi, la già citata app MiraVision, App Manager e la possibilità di modificare la navigation bar.

Molte di queste funzioni ci mostrano la poca cura con cui Mediacom le ha implementate, dal momento che spesso troviamo menù in inglese, a fronte di una localizzazione quasi completamente in italiano, oppure capita di imbattersi in vere e proprie applicazioni inserite in posizioni inaspettate, come nel caso di App Manager. Purtroppo l’interfaccia di queste e molte altre app, come ad esempio il lettore musicale, la galleria e la fotocamera, proviene direttamente da versioni Android ormai superate, che mal si sposa con il Material Design che caratterizza Android Marshmallow. La sensazione è quella di trovarsi davanti all’implementazione frettolosa di funzionalità e app di terze parti, inserite come in un collage con il solo scopo di fare numero. Ci riferiamo, per esempio, ad app come GPS Test Plus, Gesture e allo stesso Mediacom Desk, il quale ci offre funzioni ridondanti già presenti in altri menù.

In ogni caso, nonostante le critiche relative a questi aspetti del software, il telefono è sempre scattante e reattivo e il SoC Mediatek MT6753 octa core da 1.3GHz non presenta mai alcuna incertezza e ci permette di godere di un’esperienza d’uso piacevole e mai problematica. Le app si aprono abbastanza velocemente e non si ha mai la sensazione di avere tra le mani un dispositivo di fascia medio-bassa. Mediacom ha equipaggiato il suo PhonePad X555U con ben 3GB di memoria RAM i quali, uniti alla personalizzazione poco invasiva, ci permettono di godere di un’ottima esperienza multitasking, a patto che vi ricordiate di disattivare, o impostare secondo i vostri bisogni, la funzione Smart Clean up che altrimenti provvederà alla chiusura forzata delle app in background dopo poco tempo.

Per quanto riguarda la memoria interna, il dispositivo è dotato di 16GB, di cui circa una decina liberi, che possono essere ulteriormente espansi e, grazie a Marshmallow, è possibile impostare la memoria esterna come predefinita. Naturalmente la navigazione web è impeccabile se si sceglie di utilizzare Chrome, anche se segnaliamo la presenza del vecchio browser stock di Android, una reliquia del passato che rientra all’interno del discorso relativo alla poca cura del software presente di serie.

Gaming:

Mediatek MT6753 non è certamente un SoC dedicato al gaming e la sua GPU Mali-T720 MP3 a 450 MHz non riesce ad essere di gran supporto, proprio a causa della presenza di un display FullHD. Di conseguenza i nostri titoli di riferimento, Asphalt 8 e Real Racing 3, non sono in grado di offrirci un’esperienza di gioco fluida e appagante, anche se comunque restiamo all’interno dei limiti di giocabilità. Anche i benchmark di riferimento, sopratutto AnTuTu, ci mostrano come l’accoppiata tra la GPU adottata e il display FullHD non sia tra le più felici.

Per quanto riguarda i tempi di avvio, segnaliamo che Real Racing 3 impiega 33 secondi ad avviarsi, mentre Asphalt 8 appena 16, tempistiche sicuramente accettabili rispetto ad altri concorrenti di pari fascia.

Fotocamera e Multimedia:

La fotocamera principale è un’unità da 16 MegaPixel, assistita da un grande triplo flash led che, a differenza di quanto ci si potrebbe aspettare, non è poi così potente. L’applicazione fotocamera è quella stock Mediatek e ha un comportamento decisamente poco adatto al punta e scatta; la messa a fuoco è estremamente pigra e spesso dovremo agire manualmente per ottenere risultati utilizzabili. Di contro gli scatti non sono poi così male e le foto contengono un buon livello di dettaglio e colori naturali. La fotocamera frontale da 5 MegaPixel produce scatti passabili, ma di qualità inferiore rispetto a quelli catturati con il modulo principale. Troviamo comunque le classiche funzionalità tra cui lo scatto HDR, smile shot, per scattare con un sorriso, e il classico bellezza volto.

 I video possono essere girati a 1080p a 30fps e vengono salvati nell’ormai antico formato 3gp. La qualità dei filmati è accettabile, anche se la stabilizzazione elettronica, vista l’assenza di una ottica, tende a distorcere leggermente le immagini sui lati. Presente anche la possibilità di girare filmati in slow motion, anche se in questo caso la qualità peggiora ulteriormente.

Conclusioni:

Utilizzando questo Mediacom PhonePad Duo X555U, sono giunto alla conclusione che il Duo nel nome non indichi tanto la funzionalità Dual Sim, quanto la doppia natura di questo device. Infatti, a fronte di un display grande e definito, un’esperienza d’uso piacevole e prestazioni sempre di ottimo livello, ci scontriamo con alcuni aspetti negativi che sono il segnale di una progettazione del software poco curata, tra applicazioni fuori contesto, traduzioni parziali e il grave bug che vanifica la presenza di una batteria sulla carta promettente.

Insomma, PhonePad Duo X555U, anche a fronte dei 199 Euro richiesti di listino, è un terminale che si scontra con una concorrenza agguerrita che non perdona anche se l’hardware è ottimo. Vedremo se con qualche aggiornamento migliorerà.

Prestazioni generali di ottimo livelloDual Sim e memoria espandibileBatteria rimovibileBuona qualità delle chiamateSchermo definito e luminoso per la fascia di prezzo ma…
bug legato alla gestione WiFiPoca cura nel software con traduzioni incompleteNiente NFC

Voto: 6.4

Mediacom PhonePad Duo X555U è disponibile online da Amazon Marketplace a 204 euro. Il rapporto qualità prezzo è buono. Ci sono 31 modelli migliori.

Mediacom PhonePad Duo X555U è disponibile su a 186 euro.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.