NexBit Robin: lo smartphone intelligente senza problemi di spazio, sposta tutto sul cloud

I problemi di spazio e di memoria sono oggi la nuova frontiera con la quale gli sviluppatori di smartphone si confrontano ogni giorno. Ed ecco allora che ci si ritrova impossibilitati a scaricare un aggiornamento, ad installare un app o perfino a memorizzare un breve filmato. Problemi che, negli ultimi tempi, si sono fatti sempre più grandi con lo slot per la microSD che tende a scomparire e con alcuni sistemi operativi – come il nuovo Windows Mobile – che non entrano in storage ristretti. La soluzione pare essere arrivata: si chiama NextBit Robin.

Questo nuovo smartphone sarebbe in grado di restare sempre in contatto con il cloud e di memorizzare dati di ogni tipo sui sistemi di archiviazione online che, come sappiamo, non hanno praticamente limiti. È lo stesso sistema che regola l’utilizzatissimo DropBox e l’apprezzato Google Drive però applicato alla smartphone. A metterci la firma sarebbe questa NextBit, una società fondata da alcuni ex dipendenti di Google esperti di Android che a noi piace immaginare come copie fedeli del cast di “The Big Bang Theory”. Ma come funziona esattamente l’interazione con il cloud di Robin?

La tecnologia sarebbe gestita dal sistema operativo che, autonomamente, sarebbe in grado di spostare – salvo accettazione – i dati che utilizzate o consultate di meno nel cloud. Per riprendere foto, video e app dalla nuvola basterebbe solo un clic. Come dicevamo lo spazio in cloud sarebbe praticamente infinito. Avverbio d’obbligo perché in realtà un tetto ci sarebbe, quello dei 100GB. Gli sviluppatori hanno però assicurato che, in caso di necessità, la soglia sarà innalzata gratuitamente. Ma oltre al cloud, Robin di NextBit ha di più. Le ottime caratteristiche tecniche (processore Snapdragon 808, 3GB di RAM, schermo da 5,2 pollici, fotocamere da 13 e 5 megapixel, batteria da circa 3000mAh, sensore per impronte digitali) e il design nuovo e accattivante, ne fanno uno smartphone davvero appetibile.

Come fare per averlo? Beh, innanzitutto sostenerlo. Il progetto è alla ricerca di fondi su Kickstarter, la piattaforma di crowdfunding più famosa del mondo, ma va già a gonfie vele. Gli sviluppatori, infatti, hanno annunciato in via ufficiale che l’uscita dei primi modelli è prevista per Gennaio 2016. Il prezzo? 299 euro per i primi sostenitori di Kickstarter. Per gli altri si sale a 399.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.