Ma offline su alcuni modelli Android con il tethering “istantaneo”

Ultimamente Google sembra aver preso a cuore la connettività dei propri utenti. Una nuova funzione chiamata Instant Tethering ha fatto la sua comparsa su alcuni dispositivi Android, ovvero sugli smartphone e tablet Nexus e sui Pc Pixel con a bordo il sistema operativo in versione Nougat 7.1.1. La novità giunge a pochi giorni di distanza dall’esordio di una funzione che “tiene in caldo” i risultati del motore di ricerca quando l’utente è offline, un esordio per ora ancora limitato all’edizione beta dell’app di Google per Android.

 

Scoperta da Android Police, la funzione del tethering “istantaneo” è stata distribuita, invece, come aggiornamento server e naturalmente l’azienda di Mountain View ha cominciato dai dispositivi intimamente legati alla propria piattaforma software, ovvero i Nexus e i Pixel. Su questi modelli, nel caso in cui la connessione venga persa, si apre in automatico una finestra pop up contenente l’opzione Instant Tethering, sdoppiata in due voci: richiedere connettività oppure fornirla. Per la creazione del “ponte” fra i due dispositivi si utilizza, come classicamente, il Bluetooth.

 

 

 

 

La differenza con la procedura tradizionale non è quindi tecnologica, ma procedurale. In sostanza, si evita all’utente di dover entrare nel menu delle impostazioni ed eseguire ripetuti passaggi, perdendo tempo. Google sembra essersi ispirata alla semplicità introdotta da Apple su iOS, dove è sufficiente cliccare sull’icona del WiFi inserita nella barra degli strumenti e poi selezionare il dispositivo desiderato. Al momento, da Mountain View non sono giunte dichiarazioni sulle tempistiche di un allargamento della nuova funzione a tutto il mondo Android ed, eventualmente, sull’estensione dell’Instant Tethering ai Chromebook.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.