Panic Mode trasforma un iPhone in un dispositivo di emergenza

 

Grazie a tecnologie come Apple Pay, il Touch ID è diventato una risorsa incredibilmente
utile, anche più di quanto si possa immaginare. Ma la notizia è che ovviamente Apple non ha ancora smesso di stupirci: infatti, l’azienda ha appena depositato un brevetto che renderà questa funzionalità ancora più utile. Il brevetto in questione consentirà attraverso l’utilizzo del Touch ID di accedere alla modalità Panic Mode, feature che sarà possibile attivare sbloccando il nostro smartphone attraverso alcune specifiche dita, o in alternativa con dita differenti rispetto a quelle inserite nel sistema.

panic mode

Panic Mode: i campi applicativi

Apple offre diversi campi di applicazione di questa nuova funzionalità, illustrandoci alcuni modi con la quale questa feature potrebbe rivelarsi determinante. Ad esempio, potrebbe essere utilizzata semplicemente per bloccare il telefono e limitare l’accesso dei contenuti personali presenti in esso. L’acquisizione di un’ impronta diversa da quella salvata potrebbe avviare la registrazione di un video nascosto, o scattare una foto instantanea della persona che sta utilizzando il telefono, specifica particolarmente utile nel caso in cui vanga rubato l’iPhone.

In alternativa, potrebbe risultare utile nel caso in cui si abbia la necessità di effettuare rapidamente una chiamata d’emergenza, o per inviare un messaggio prestabilito ad un altro specifico iPhone in maniera istantanea. Non possiamo ancora garantire ovviamente che questo interessante brevetto venga utilizzato per l’implementazione dei prossimi sistemi operativi, ma di sicuro si tratta di un’idea tanto concreta quanto interessante.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.