Previsto per l’Italia il Samsung Galaxy Note 6, Note 5 solo una triste parentesi

Con ogni probabilità il Samsung Galaxy Note 6 arriverà in Italia, colmando il vuoto lasciato da Note 5

 

A differenza del Note 5, che sappiamo non essere mai arrivato in Italia, con grande dispiacere di chi avrebbe tanto voluto acquistarne un esemplare (senza dover ricorrere ad un modello importato), le cose potrebbero cambiare con il Samsung Galaxy Note 6, almeno questo è quanto trapela dagli ultimi rumors in circolazione.

Il malcontento generato dalla mancata commercializzazione europea del phablet di quinta generazione avrebbe indotto la casa madre a rivedere i propri piani per il 2016. I mesi che hanno seguito l’IFA 2015 di Berlino evidenziano un dato imprescindibile: non è possibile rinunciare alla S Pen.

Presa coscienza della cosa, il produttore non avrà altra scelta che optare diversamente, attraverso un’ulteriore differenziazione di diagonale tra S7 e S7 Edge, ed abolendo un eventuale S7 Edge Plus, sostituito proprio dal Samsung Galaxy Note 6.

Detto in tutta franchezza, all’azienda sudcoreana non restava altra scelta che questa per cercare di calmare il vespaio di polemiche sollevato da tutta la questione legata al Note 5 (in tanti sarebbero stati disposti ad acquistarlo, vedendosi privati di questa possibilità da una strategia di marketing che, dispiace dirlo, ha lasciato molto a desiderare).

Adesso non ci resta che lasciarci alle spalle il brutto ricordo, e pensare direttamente al Samsung Galaxy Note 6, nella speranza possa presentare una configurazione ancora più allettante di quella proposta dal Note 5 (che comunque ha conosciuto l’assenza dello slot per microSD, che potrebbe tornare proprio nell’ambito della sesta generazione

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.