Smartphone caduto in acqua, ecco il miglior modo per recuperarlo


 

Il vostro smartphone è bagnato fradicio? Non disperate, potreste recuperarlo

Vi è per caso caduto lo smartphone in acqua? Non è da tutti possederne uno waterproof, può capitare di avere un esemplare che non resiste ai liquidi, in quel caso, se viene bagnato accidentalmente, che fare? Cestinarlo senza nemmeno provare a recuperarlo? Niente affatto, fareste male, molto male.

Innanzitutto occorre fare una distinzione tra acqua dolce e acqua salata. Nel secondo caso, come potete immaginare, parliamo di un incidente anche più infausto, dal momento che il sale corrode elettrodi e circuiti se non viene pulito via in tempo. Come? Passando sui contatti un cotton fioc imbevuto nell’alcol, sempre con molta delicatezza per evitare di danneggiare i contatti.

Fatto questo, bisognerà passare all’operazione di asciugatura vera e propria, cominciando a smontare lo smartphone parte per parte (meglio farlo completamente, avendo un po’ di dimestichezza, piuttosto che limitarsi ad estrarre backcover, batteria, SIM e microSD).

Dopo di che, adagiate pure il device in un contenitore riempito con lettiera per gatti. Non vi meravigliate, non esiste metodo migliore di questo per cercare di recuperarlo.

Secondo uno studio portato avanti dall’e-commerce americano Gazelle, il gel di silice ha una proprietà assorbente ed anti-umidità addirittura superiore a quella del riso ed alla farina d’avena. Una volta adagiato nel contenitore, bisognerà lasciare lo smartphone nella lettiera per gatti dalle 24 alle 48 ore, per poi verificarne lo stato. A quel punto il dispositivo dovrebbe riaccendersi, così non fosse provate ad attendere qualche ora in più (del resto non potrete comunque fare diversamente).

Se anche così non da segni di vita, allora probabilmente siete arrivati troppo tardi, l’acqua avrà fatto in tempo a danneggiare i circuiti in maniera irreversibile (speriamo proprio non sia il vostro caso). Ricordate, la lettiera per gatti è il miglior materiale da utilizzare per cercare di recuperare uno smartphone caduto in acqua.


 

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.