Telegram introduce i canali, la nuova frontiera del broadcasting

Torniamo a parlare di Telegram dopo alcune riflessioni proposte dal suo fondatore e di cui vi abbiamo parlato oggi. La nota app di messaggistica si è aggiornata oggi con una interessantissima novità, rappresentata dall’introduzione dei Canali. Si tratta di una funzione che va a sostituire le vecchi liste di distribuzione e che permette di gestire un canale dedicato ad un numero illimitato di membri. La nuova feature di Telegram è interessante soprattutto per chi vuole proporre contenuti ad una platea di utenti, ma anche a società che vogliono tenere informati i propri clienti sulla presenza di nuove offerte e promozioni. È possibile ottenere un URL permanente del tipo telegram.me/link che permetterà un facile accesso nel caso si tratti di un canale pubblico. telegramchannel Ogni post avrà un contatore delle visualizzazioni così da permettere ai creatori di contenuti di misurare la risposta degli utenti ai messaggi pubblicati ed il visualizzatore conterà anche i messaggi inoltrati dai membri del canale verso altri utenti. I nuovi membri dei canali Telegram avranno la possibilità di visualizzare l’intera storia del canale, a partire dal primo post pubblicato, una funzione interessante che permette a chiunque di conoscere la storia del canale. Telechannel A Telechannel B La versione aggiornata di Telegram per Android è già disponibile sul Play Store e può essere scaricata attraverso il badge sottostante, mente gli altri client saranno aggiornati molto presto. Anche la versione iOS è stata aggiornata e può essere scaricata da App Store.

Approfondisci su www.tuttoandroid.net/aggiornamenti-app/telegram-introduce-i-canali-la-nuova-frontiera-del-broadcasting-307020/

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.