Test Netflix Italia: il miglior servizio streaming ha un catalogo debole01

Netflix si conferma la piattaforma di streaming video più matura del mercato. Qualità video, interfaccia e fluidità sono da primato. L’offerta di titoli però è ancora limitata.

 

Introduzione

Netflix è sbarcato in Italia il 22 ottobre e grazie a un’offerta commerciale che consente 30 giorni di prova la comunità di appassionati sta finalmente scoprendo i motivi del suo successo globale. La qualità principale, confermata dalla nostra analisi tecnica ed esperienza d’uso, è legata alla piattaforma tecnologica. Rispetto ai concorrenti Sky Online e Infinity, offre migliori prestazioni di streaming, maggiore qualità video e un’interfaccia più ergonomica.

Netflix home
Netflix

Prima di entrare nei dettagli vogliamo ricordare le caratteristiche generali del servizio. Netflix offre un piano Base, con una sessione di streaming alla volta e definizione standard a 7,99 euro al mese, un piano Standard, con due sessioni di streaming contemporanee e alta definizione a 9,99 euro al mese e un piano Premium che consente quattro sessioni di streaming alla volta e la visione in Ultra HD 4K a 11,99 euro. Da ricordare che almeno per ora l’Ultra HD 4K è compatibile esclusivamente tramite Smart TV, Blu-Ray e set-top-box LG. Con il PC invece non si può riprodurre in 4K.

riepilogo

L’abbonamento si può disdire in qualsiasi momento e il primo mese è gratis per tutti i nuovi abbonati. I pacchetti Standard e Premium permettono con i rispettivi account di abilitare gli accessi di più dispositivi in contemporanea anche se corrispondono a indirizzi IP diversi.

Netflix supporta Smart TV (Samsung, Sharp, Sony, Hisense, Toshiba, Panasonic, Philips e LG), PC Windows, Mac e Linux, console (Xbox, Playstation, 3DS e Wii), lettori Blu-Ray, lettori per lo streaming (Apple TV, Chromecast Nexus Player e LG Smart), set-top-box TIMvision, smartphone e tablet (Android, iOS e Windows Phone).

Netflix è conosciuta nel mondo perché nel suo mercato di riferimento – quello statunitense – offre più di 7mila titoli, fra Film (5964), Serie TV e Documentari. Ovviamente negli altri 23 paesi dove è presente il suo archivio è nettamente più piccolo a causa delle politiche licenziatarie imposte dalle Major e dall’esigenza di offrire contenuti con sottotitoli e doppiaggio.

Netflix home
Neflix

Le produzioni Netflix come ad esempio House of Cards non è scontato che facciano parte dell’offerta a causa di precedenti contratti licenziatari con i broadcaster. È il caso di Sky Italia che continuerà a vantarne i diritti di trasmissione anche per la prossima stagione.

In Italia al momento si parla di circa 910 titoli: poco più della metà film, il resto serie e documentari. Come i concorrenti offre il doppiaggio in italiano, lingua originale e sottotitoli. In alcuni casi vi sono più lingue disponibili ed è prevista anche l’opzione audio multicanale 5.1.

Nell’approfondimento Catalogo Netflix, cosa c’è e cosa vale la pena di vedere abbiamo analizzato a fondo i titoli più interessanti. Ad ogni modo fra le novità in esclusiva figurano Crouching Tiger, Hidden Dragon The Green Legend, Jadotville, The Ridiculous 6 e War Machine di Brad Pitt. Si parla di serie originali (Daredevil, Sense8, Grace and Frankie, Unbreakable Kimmy Schmidt, Marco Polo e Narcos), documentari (Virunga, Chef’s Table e Mission Blue), lungometraggi (Beasts of No Nation) e altri programmi provenienti da ogni parte del mondo.

riepilogo

Attese per la fine dell’anno grandi novità Marvel: Jessica Jones, la seconda delle quattro serie Marvel che saranno disponibili in esclusiva su Netflix, e la miniserie The Defenders, che riunisce i personaggi delle quattro serie precedenti.

Per quanto riguarda la qualità video è bene ricordare che l’intero catalogo è disponibile nei formati standard e HD (720p o 1080p a seconda dei casi). L’offerta Ultra HD 4K è più ristretta, ma comprende comunque film e serie TV.

Il sistema di pagamento

Netflix è un servizio che prevede un abbonamento mensile con l’addebito della quota nell’ultimo giorno del mese. “Se hai usufruito di una prova gratuita per il primo mese di abbonamento, l’addebito verrà effettuato esattamente dopo un mese, nel giorno in cui scade la prova”, puntualizza la nota sul sito.

netflix account
Un account Netflix e al massimo 5 profili utente

“Al fine di verificare il metodo di pagamento impostato per l’account, Netflix invia richieste di transazione all’istituto finanziario associato al metodo di pagamento. Tali richieste non sono addebiti veri e propri, ma in alcuni casi possono influire sul saldo disponibile del tuo conto”.

Netflix accetta le carte Visa, MasterCard e American Express – anche le rispettive prepagate. Inoltre è possibile inviare i pagamenti a Netflix tramite un conto PayPal, senza dover registrare altri metodi sul sito. Infine c’è l’opzione iTunes su Apple TV. I clienti TIM godono dell’addebito direttamente in bolletta.

Durante la registrazione per la prova gratuita viene effettuato un addebito virtuale che serve esclusivamente per verificare che i dati forniti siano associati a un conto aperto e valido sul quale addebitare l’abbonamento in futuro.

Il mio Account
Il mio account

“Accertiamo la validità dei nuovi dati inviando una richiesta di autorizzazione per un importo che corrisponde all’incirca alla quota mensile di un abbonamento a Netflix. Se l’autorizzazione va a buon fine, procediamo automaticamente all’invio di una richiesta di storno alla banca emittente, in modo che la transazione associata all’autorizzazione venga rimossa il prima possibile dall’estratto conto del cliente”, ricorda Netflix.

Ad ogni modo nell’area “il tuo account” è ben in vista il tasto “disdici abbonamento” che consente di bloccare l’eventuale rinnovo.

Disponibili anche fin dalla prima ora le carte regalo Netflix presso diversi rivenditori autorizzati, tra cui GameStop, Unieuro, MediaWorld, Esselunga, Mondadori ed Euronics.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.