TIM, il 4G Plus anche a Genova, Napoli, Prato e Torino: gratis fino a dicembre 2016

Telecom Italia
Telecom Italia Telecom Italia

TIM ha deciso di espandere il territorio dove sarà disponibile il 4G Plus annunciato per la capitale in occasione del Giubileo, rendendolo disponibile a Genova, Napoli, Prato e Torino a partire da oggi attraverso la tecnologia “Three Carrier Aggregation”. Grazie alla combinazione delle tre bande di frequenza utilizzate per LTE – 800, 1800 e 2600 MHz – la rete 4G Plus di TIM consente una velocità massima di trasmissione dati fino a 300 Mbps al secondo in download, offrendo così una navigazione in Internet particolarmente fluida e stabile.

In questo modo i clienti TIM possono navigare in maniera sempre più veloce e con qualità elevata, fruendo di contenuti multimediali in mobilità sia in formato Full HD che in quello 4K. Tuttavia, il servizio è attualmente disponibile per il solo Samsung Galaxy S6 Edge+, il primo terminale compatibile in Italia, ma già dalle prossime settimane il portafoglio TIM si arricchirà con altri dispositivi. I clienti dell’operatore, consumer o business che siano, che dispongono già di offerte 4G e del terminale compatibile, potranno accedere gratuitamente ed automaticamente alle prestazioni 4G Plus fino a dicembre 2016.

Dopo la sperimentazione dello scorso luglio realizzata a Torino su rete live dei 300 Mbps con terminali prototipali, TIM raggiunge così un ulteriore traguardo che conferma l’impegno nella ricerca e nello sviluppo delle reti ultrabroadband, per offrire ai propri clienti una infrastruttura sempre più veloce e affidabile, in grado di rispondere alla crescente domanda di banda larga mobile legata all’utilizzo di servizi e applicazioni innovative.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.