UMI Max: quanto è veloce il device con processore Helio P10 e 3GB di RAM?

Scopriamo come si comporta il terminale grazie a diversi test di velocità

UMI Max
Prestazioni al top grazie al SoC di Mediatek?

Come si comporta il nuovo UMi MAX in termini di velocità e reattività? Nonostante il suddetto device possieda il medesimo processore del Meizu Note 3, un Mediatek Helio P10, quale dei due è più veloce, reattivo e si comporta al meglio sul campo? Per rispondere a questa domanda, ecco che UMI ha realizzato un video nel quale ha registrato differenti test come la velocità di boot-up, AnTuTu, Geekbench, Speedtest della velocità di rete ed il classico lancio di applicazioni. Scopriamo com’è andata!

Come potete vedere dagli screenshot ufficiali che trovate qua di seguito, il device prodotto da UMI ha registrato delle prestazioni notevoli, praticamente in tutti i test. Caratterizzato da una fotocamera posteriore da 13 MP prodotta da Panasonic e da una batteria con capacità pari a 4000 mAh, l’UMI Max si è rivelato davvero interessante anche sotto l’aspetto squisitamente tecnico, con un buon livello di prestazioni ed ottimizzazione tra il processore Helio P10 ed i 3 Gigabyte di memoria RAM. Date uno sguardo ad i risultati di AnTuTU (dove il Meizu M3 Note ha totalizzato 43230 punti, ndr), di Geekbench ed allo speedtest che è stato effettuato sotto una rete Wi-Fi 100 mega.

Nonostante il terminale non sia di fascia alta, se alle caratteristiche che vi abbiamo elencato aggiungete 16 Gigabyte di memoria interna espandibile fino a 256GB, il supporto Dual SIM, il sensore biometrico per la lettura delle impronte digitali ed un prezzo davvero competitivo, sarete sicuramente d’accordo con noi nel considerarlo un prodotto sicuramente interessante.

Se intendente procedere all’acquisto, potete trovare UMI Max in vendita a partire da 139$ su GearBest o su Bangood.

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.