Wiko Fever 4G: recensione di un best-buy sotto i 200€

Wiko Fever ha fatto molto parlare di se su forum e social, quale miglior “best buy” degli smartphone sotto i 200 €. Anche secondo noi si tratta davvero di uno smartphone eccellente, meritevole di essere considerato tra i migliori smartphone Android sotto ai 200€.

Molto spesso le voci online non trovano riscontro nella realtà, ma questa volta ci sentiamo di confermarle, dando atto all’azienda francese del grande lavoro svolto per produrre un prodotto raffinato, prestante e davvero versatile.

Design

DSC00382

Lo stile di Wiko Fever è molto interessante. La back cover è in finta pelle e, anche se la resa in foto non è proprio ottimale, al tatto ed alla vista è molto piacevole. Resiste bene a graffi ed urti, nonché dona un grip invidiabile a tutto il device.

Rimuovendola (è ben ancorata alla scocca) si accede alle due Micro SIM ed allo slot per laMicro SD. Purtroppo la batteria è sigillata e non è possibile una sostituzione “fai da te”, dispiace soprattutto perché appunto si può rimuovere la back cover. In alto a destra troviamo fotocamera e LED flash, ben incastonati e protetti.

DSC00381Sempre sul retro di Wiko Fever troviamo lo speaker di sistema. Il volume è abbastanza alto e non avrete problema a sentire le notifiche, ma non aspettatevi una qualità sonora impeccabile. Il suono è abbastanza piatto e ad alti volumi distorce abbastanza. Inoltre, vista la posizione, viene attutito notevolmente in caso di appoggio su un piano (anche liscio).

Il frame laterale è in alluminio, mentre superiormente ed inferiormente diventa in plastica. Esteticamente la differenza non è visibile, ma crediamo serva ad aumentare la rigidità strutturale del terminale, che all’atto pratico non scricchiola o flette. In teoria il bordo è fluorescente e quindi dovrebbe assorbire la luce in diurna per poi rilasciarla in notturna. Avete mai sentito parlare di #Cantwaitforthenight? E’ proprio lo slogan di Wiko Fever per il suo lancio.  In realtà su questa colorazione nera l’effetto è molto ridotto, mentre è ben visibile sulla colorazione bianca.

Sul fronte di Wiko Fever la fa da padrone l’ampio display da 5.2 pollici, dotato di bordi 2.5D  (leggermente curvi verso l’esterno). Questi, oltre a donare un look molto pulito, contribuiscono a migliorare la fruizione dei menù in Material Design. Infatti, quando andrete ad effettuare uno swipe dall’esterno verso l’interno, il movimento verrà accompagnato dal vetro, senza alcuna resistenza da parte di uno spigolo vivo. Da notare la presenza anche del flash frontale, una rarità anche su smartphone che si trovano in fasce di prezzo meno economiche.

Complessivamente abbiamo apprezzato la qualità costruttiva di Wiko Fever, abbinata alla volontà di mantenere basso il peso (143 grammi). Le dimensioni ufficiali sono di 148 x 73.6 x 8.3 mm.

DSC00380

Display

DSC00386

Il display di Wiko Fever ci ha pienamente convinto: l’unità da 5.2 pollici con tecnologia IPS e risoluzione Full HD offre una definizione assolutamente adeguata. Icolori solo ben riprodotti e, considerando una leggera sovra saturazione, la visione è sempre appagante e piacevole.

La luminosità è adeguata e ben gestita dal sensore integrato che, abbinato ad un’altissima resistenza alle ditate, permette una visione buona anche sotto la luce diretta del sole. Da non sottovalutare è poi la curvatura 2.5D, già spiegata in precedenza.

Hardware e Prestazioni

Il cuore pulsante di Wiko Fever è il MediaTek MT6753, un octa core Cortex A53 (clockato a 1.3Ghz), abbinato ad una GPU Mali-T720. La RAM è da 3GB mentre la memoria interna da16GB espandibile via MicroSD.

Questo SoC non si comporta bene in gioco, offrendo prestazioni non adeguate, sia a livello di frame che di stabilità complessiva (non solo i frame sono pochi ma oltretutto non sono stabili). Un vero peccato, considerando che nei benchmark va molto bene ed anche nella quotidianità (app e fluidità di sistema) non da problemi. Se quindi cercate uno smartphone economico per giocare, Wiko Fever non fa per voi.

Qui sotto troverete tutti i benchmark.

Nome Funzione Punteggio
Antutu Generale 36690
Geekbench 3 CPU 626 (Single Core), 2878 (Multi Core)
Vellamo Browser 2620 (Chrome)
Quadrant Generale 21929
AndroBench Memoria Dettagli nello Screenshot

Connettività

DSC00384

Al Wiko Fever non manca nulla: Bluetooth 4.0, Wi-Fi b/g/n e A-GPS. Complessivamente non abbiamo alcuna nota o segnalazione da effettuare.

Il punto di forza è però il Dual SIM, che permette di gestire 2 Micro SIM con switch a caldo del 4G. La ricezione è ottima in entrambi gli slot e non abbiamo notato problemi di stabilità (perdita di segnale e simili). Si tratta di un reparto in cui Wiko Fever eccelle assolutamente.

Sistema Operativo

Screenshot_2016-03-29-21-07-57

Il sistema operativo di Wiko Fever, basato su Android 5.1 Lollipop, è molto vicino allo Stock MediaTek. Troviamo infatti le classiche features presenti sugli smartphone che montano queste CPU: accensione/spegnimento programmati, gesture a schermo bloccato e gestione eccellente della doppia SIM, dove effettivamente Mediatek rappresenta il top.

La personalizzazione di Wiko si ferma al Launcher. Il produttore francese ne ha infatti inserito uno personalizzato, in cui manca il drawer e le icone sono                                                 ridisegnate. Screenshot_2016-03-29-21-07-47Inoltre vi sarà possibile cambiare la transizione tra le varie pagine: cosa che vi sconsigliamo, vista la scarsa fluidità delle animazioni secondarie.

Vista la “mano” molto leggera dell’azienda, il sistema è facilmente riconducibile ad uno stock con l’uso di Nova Launchero simili.

Screenshot_2016-03-29-21-08-21Tralasciando il fattore estetico, lafluidità del sistema di Wiko Fever è invidiabile.
Non abbiamo quasi mai riscontrato lag o problemi e, anche con molte app aperte, il passaggio tra le stesse è sempre fluido e veloce.
Merito dei 3Gb di ram ben ottimizzati e della CPU che, pur peccando in gioco, nel quotidiano è ineccepibile.

La navigazione web è in linea con i competitor: ha raggiunto degli ottimi livelli di fluidità e fruibilità, anche nei siti più pesanti. Pollice alto per Wiko Fever!

 Fotocamera

 

La fotocamera posteriore da 13MP di Wiko Fever non è stabilizzata, ma offre comunque scatti degni di nota in diurna. Con buona luce il sensore riporta immagini molto buone e dettagliate, senza particolare rumore video. In notturna la qualità scende, senza però andare al di sotto di altri competitor di pari fascia.

Il sensore anteriore da 5MP di Wiko Fever è invece sopra la media. La presenza del flash frontale aiuta molto ad aumentare i dettagli, anche in situazioni con luce direzionale laterale. Esso permette infatti di “riempire” la parte in ombra, senza creare troppi contrasti difficilmente gestibili dalla fotocamera.

Anche i video sono buoni, anche se l’autofocus non è velocissimo.

L’app relativa è ben curata da Wiko ed è superiore a quella dei competitor. Il punta e scattaè molto rapido e semplice, ma questo non esclude funzioni avanzate e modalità particolari. E’ presente infatti la possibilità di controllo manuale della fotocamera, nonché ulteriori funzioni avanzate (HDR, Modalità notturna e molto altro).

Batteria ed Autonomia

Batteria

La batteria da 2900 mAh garantisce almeno 3 ore e mezza di schermo attivo con un uso intenso. Con un uso “medio” riuscirete a superare certamente le 4 ore di display.
Quindi, per tirare le somme, non è un mostro di autonomia ma è certamente nella media di categoria.

In Dual SIM la durata varia moltissimo in base all’utilizzo della linea secondaria.  Comunque, anche in questa modalità, la gestione energetica  non è un problema. Wiko Fever si conferma, almeno in questo campo, allineato alla media di categoria.

Prezzo e Disponibilità

DSC00389

Il Wiko Fever è disponibile online a circa 180€, un prezzo davvero aggressivo considerata la qualità che invece offre.  Nella confezione troverete, oltre allo smartphone, il caricabatteriada muro (lento, da 1A) con annesso cavo e delle cuffiette in ear (di bassa qualità) senza gommini di ricambio. Non mancano inoltre gli adattori per SIM tipici di Wiko: molto utili e ben fatti.

Wiko Fever 4G Smartphone, 16 GB, Dual SIM, Nero/Antracite

Prezzo consigliato: 229.99€
Risparmi: 56.99€ (25%)

Prezzo: 173€

Conclusioni

Ci sentiamo di consigliare appieno il Wiko Fever, nonostante il problema nel gaming. Certo, se per voi giocare è fondamentale indirizzatevi su altro.

Se invece cercate uno smartphone completo a “tutto tondo”, potrete orientarvi senza remore su questo device.

Uno smartphone ben fatto e studiato nei particolari dall’azienda francese, che ha curato molto bene l’estetica ed il software del Fever. Siamo infatti ben consapevoli dell’importanza che ha un software curato per far rendere al massimo le prestazioni: Wiko Fever coglie in pieno questo punto.

 

PRO

✔ Fluidità di Sistema
✔ Qualità Costruttiva
✔ Display

CONTRO

✖ Rallentamenti nei giochi
✖ Batteria non removibile nonostante la backcover lo sia

tecnologyblog78

About tecnologyblog78

Giovane Siciliano di 36 anni appassionato di tecnologia in genere. Nutre una vera e propria passione per lo spazio ed anche per gli smartphone. Grazie a questo nuovo progetto vuole riuscire a portare l’informazione tecnologia ad un nuovo livello. Ora anche gli utenti meno capaci potranno trovare uno spazio in cui gli sarà facile masticare tecnologia.